Enciclopedia di Beetlejuice : BARNABELL MAURICE (1902-1981)

enciclopediabeetlejuice

 

Nato a Londra il 3 maggio 1902, faceva il giornalista e nell’ambiente mediatico era conosciuto come “Mr. Spiritismo”.
Tuttora, gli ammaestramenti e le indicazioni del suo spirito guida,un nativo americano chiamato “Betulla Bianca”, continuano ad avere un vasto seguito.
Eppure, da giovane era ateo e quindi scettico nei confronti dello spiritismo finché, durante una conferenza in cui sostenne l’opinione che del paranormale dovesse parlare in pubblico solo chi ne avesse avuto diretta esperienza, fu a sua volta sfidato a sottoporsi ad auto-esame per sei mesi.
Allora, Barnabell cominciò a frequentare le sedute della medium Blaustein; addormentatosi per noia in una di queste, si svegliò per sentirsi dire che era diventato lui stesso medium per conto dello spirito di un nativo d’America, il cui nome fu tenuto per il momento segreto. Da allora Barnabell formò il proprio cerchio domestico cui partecipò il giornalista Hannen Swaffer, entusiasta sostenitore sia dello spiritismo in genere che dei saggi insegnamenti che dispensava lo spirito guida di Barnabell.


Questo gruppo fu tra i più riservati nello spiritismo inglese; lo stesso Barnabell volle restare anonimo, evitando di pubblicizzare le sue
doti medianiche, anche quando il gruppo decise di fondare la pubblicazione Psychic News nel 1932, continuata fino al 1946 e poi ripresa nel 1962. In realtà l’idea era stata suggerita da “Nuvola Rossa”, spirito guida della medium Estelle Roberts.
Contro l’ostinata reticenza di Barnabell, Swaffer insisté sull’opportunità di divulgare i messaggi degli spiriti ad un pubblico più vasto della stretta cerchia dei gruppi medianici. E alla fine, pur continuando a restare anonimo, Bernabell acconsentì a pubblicare gli insegnamenti del suo spirito guida che assunse lo pseudonimo di “Betulla Bianca”.
Da allora, egli, oltre a tenere delle conferenze, scrisse numerosi libri ed articoli, oltre a dirigere un’altra pubblicazione spiritica, intitolata Two Worlds.
Barnabell morì a 79 anni il 17 luglio 1981. Quasi nello stesso momento del trapasso, l’allora direttore dello Psychic News, Tony Ortzen, ricevette un messaggio in codice di due parole concordato con Barnabell quand’era ancora in vita; per di più, di lì a pochi giorni, un amico del defunto, il medium Gordon Higgison, ricevette sue comunicazioni spiritiche che furono interpretate come autentiche.
Gli insegnamenti di “Betulla Bianca” furono pubblicati anche a cura di Sylvìa Abrahams, che Barnabell aveva sposato nel 1932.
Cosa si può dedurre dall’esperienza personale di quest’uomo? Barnabell respingeva decisamente la teoria secondo cui gli spiriti-guida sono personalità secondarie dei medium; al contrario, i partecipanti alle sedute hanno potuto attestare che Barnabell e “Betulla Bianca” erano personalità ben distinte.
“Betulla Bianca” ebbe modo di comunicare di essere stato riluttante a lasciare il suo mondo soprannaturale per tornare sulla terra, che definiva un luogo molto più tetro e deprimente; eppure, ha dovuto per compiere la sua missione, quella di impartire gli antichi ammaestramenti che l’umanità tende a dimenticare continuamente. Rivelò, inoltre, di aver scelto Barnabell da certi “registri” e di averlo tenuto sotto osservazione sin dalla nascita; di averlo condotto all’ateismo appositamente per renderlo più ricettivo a quanto avrebbe poi intravisto mediante la medianità.

Il messaggio fondamentale di “Betulla Bianca” è centrato essenzialmente sull’unìcità di tutta la vita, sull’importanza dell’amore, sulla guarigione spirituale, sull’altruismo e sull’immortalità dell’anima