Enciclopedia di Beetlejuice : Bosco

0

enciclopediabeetlejuice

In quasi tutte le tradizioni mitologiche, è un luogo deputato alle manifestazioni spiritiche, alla stregua dei Cimiteri e degli Incroci , poiché per la sua stessa conformazione è sinonimo di ombra, mistero.
Nelle credenze popolari, oltre che nell’Animismo, è nel bosco che albergano e si nascondono spiriti, gnomi, folletti e streghe.
Un esempio è rappresentato dai Fantasmi degli alberi . Anche nella tradizione popolare d’Italia si annoverano diversi casi dove il bosco è teatro di fenomeni paranormali.

Continue reading

 

Enciclopedia di Beetlejuice : ANIMISMO

0

enciclopediabeetlejuice

 
Termine storico-religioso con il quale l’inglese E. B. Tylor, fondatore dell’antropologia culturale moderna, indicò la più primitiva forma dì religione. Tylor ha distinto due branche di Animismo: credenze su anime e spiriti collegati al corpo umano e quelle su spiriti indipendenti da esso da cui, a suo parere, si sono successivamente sviluppati, fino a sostituirle, il Politeismo e il Monoteismo delle religioni occidentali.
Le sue teorie, esposte nel libro Cultura Primitiva pubblicato nel 1871, proprio nel periodo in cui si diffondevano le teorie evoluzionisti che di Darwin, sebbene oggi ampiamente superate, hanno a lungo influenzato gli studi teologici. In particolare esse sono state confutate da Andrew Lang in La creazione della Religione (1898), evidenziando che alcune società molto primitive avevano eminenti dèi, sebbene essi non potessero essere assimilati agli esseri supremi delle grandi religioni occidentali.

Continue reading

 

Enciclopedia di Beetlejuice : ANIMA, Perdita dell’

0

enciclopediabeetlejuice

 
Presso alcune tribù in varie regioni del mondo è ancora viva la credenza che la malattia sia causata dal distacco temporaneo dell’anima dal corpo mentre la morte sopravviene in quello definitivo.
Nell’Animismo si crede che l’anima, o una delle tante appartenenti ad una persona, possa staccarsi dal corpo e vagare di notte durante il sonno. Agli sciamani è attribuita la facoltà di controllare e disporre di queste peregrinazioni, che in realtà possono interpretarsi come esperienze extra-corporee. Tali ‘vagabondaggi” vengono considerati normali e non destano preoccupazione tranne quando l’anima per un motivo qualsiasi non riesce a ritornare nel proprio corpo: questa sarebbe la cosiddetta Perdita dell’anima. Essa può avvenire per varie cause: talvolta il fantasma di una persona recentemente defunta è riuscita a sviare l’anima ; interviene un atto di stregoneria o di esseri soprannaturali malevoli, oppure può dipendere da traumi fìsici esterni.
Si crede addirittura che si può uccidere una persona svegliandola improvvisamente prima che l’anima sia rientrata nel corpo dai suoi vagabondaggi.
Le malattie derivanti dalla perdita dell’anima sono per lo più di natura psicologica: svenimenti, epilessia, corna, varie forme di perdita di coscienza. Al momento del distacco dal corpo l’anima si dirige verso la terra dei morti e più vi si avvicina più debole e delirante diventa il suo possessore; lo sciamano sarebbe in grado di trovare e riportare l’anima al suo corpo solo se essa non ha già raggiunto la terra dei morti, a meno che la malattia non sia stata causata da stregoneria o da qualche entità incorporea: nel qual caso lo sciamano deve ingaggiare una specie di “tiro alla fune” per il possesso dell’anima.
La perdita dell’anima può verificarsi anche senza che se ne abbia consapevolezza.