GLI ASSASSINI DELLA RUE MORGUE

golemcuccia

Il canto che cantavano le Sirene,
il nome che assunse Achille quando
si nascose fra le donne, per difficili che
siano, non sono questioni al di là
di ogni congettura.
SIR THOMAS BROWNE

 

Le facoltà mentali che definiamo analitiche sono di per sé poco suscettibili di analisi. Le
intendiamo afondo unicamente nei loro effetti. Di esse sappiamo, tra l’altro, che per chi le possiede
in misura straordinaria sono, sempre, fonte del più vivo godimento. Come l’uomo forte gode della
propria prestanza fisica, dilettandosi di quegli esercizi che impegnano i suoi muscoli, così l’analista
si compiace di quell’attività mentale che risolve . Trae piacere anche dalle occupazioni più banali,
purché impegnino i suoi talenti. È appassionato di enigmi, di rebus, di geroglifici, facendo mostra
nel risolverli di un acumen che a un’intelligenza comune appare soprannaturale. I risultati cui
perviene, dedotti dall’anima stessa, dall’essenza del metodo, hanno, in verità, tutta l’aria
dell’intuizione. La capacità di risolvere è probabilmente potenziata dallo studio dellamatematica e
soprattutto del ramo più nobile di essa che impropriamente, e solo a causa delle sue operazioni a
ritroso, è stato denominato analisi, quasi lo fosse par excellence.Eppure calcolare non è di per sé
analizzare. Un giocatore di scacchi, ad esempio, calcola, senza ricorrere all’analisi. Ne consegue che
il gioco degli scacchi, per quanto concerne il suo effetto sull’abito mentale, è completamente
frainteso. Non sto scrivendo un trattato, ma semplicemente premettendo alcune osservazioni fatte
un po’ a casaccio a una narrazione piuttosto singolare; colgo pertanto l’occasione per sostenere che
le facoltà superiori dell’intelletto riflessivo vengono messe alla prova più decisamente e con
maggiore utilità dal più modesto gioco della dama che dall’elaborata vacuità degli scacchi. In
quest’ultimo gioco, dove i pezzi hanno movimenti diversi e «bizzarri», secondo valori vari e
variabili, quanto è solo complicato passa (errore tutt’altro che insolito) per profondo. Vi si esige
un’attenzione davvero straordinaria. Ove essa si allenti per un attimo, ne conseguirà una svista
comportante un danno o una sconfitta. Poiché le mosse possibili non sono solo molteplici, ma anche
complesse, le occasioni per simili sviste si moltiplicano, e nove volte su dieci chi vince non è il
giocatore più sottile, ma quello capace di maggior concentrazione.

Continue reading