La morte bussa alla porta : Lo Strangolatore di Boston SECONDA PARTE

LOGOFREDDY

 

L’8 settembre 1963, il folle si sposta a Salem per colpire di nuovo. Uccide una donna di cinquantotto anni, ma talmente giovanile e in forma che stava per sposarsi per la seconda volta (era divorziata dal primo marito) con il quarantenne figlio di una vicina di casa. Anche per lei, stesso rituale. Evelyn Corbin, questo il nome della vittima, suonava il pianoforte; negli ultimi giorni si era recata a trovare degli amici in clinica. È il nono caso di strangolamento. Seguono quelli di Joann Graff e di Mary Sullivan, di cui abbiamo parlato all’inizio.

strangolatore_di_boston (18)

il vice procuratore John Bottomly, posto a capo del dipartimento speciale istituito allo scopo di cercare i collegamenti tra tutti i casi di strangolamento rimasti insoluti avvenuti a Boston e dintorni dal 1962.

Continue reading